Vi devo chiedere scusa — ieri ho scritto un messaggio interamente in inglese per spiegare la storia del mio ritorno in ospedale, e solo ora sto aggiugendo l’equivalente in italiano! Sfortunatamente scrivo piu’ lentamente in italiano.

Allora…

Cos’e’ successo?
Inizialmente, in 2005 sono stato diagnosticato con la leucemia acuta linfoblastica (acute lymphoblastic leukaemia, ALL); ho seguito un corso di chemioterapia e radioterapia fino a febbraio 2008, che ha obliterato i linfoblasti.

E poi?

Mariacristina and George on a boat on their wedding day
Pozzuoli/Lucrino 7/7/11

La vita meravigliosa! Negli ultimi 6/7 anni, ho fatto tante belle cose, tra le quali indubbiamente il culmine e’ stato il mio matrimonio a Pozzuoli con la magnifica Mariacristina.

Durante questo periodo, venivo all’ospedale ogni sei mesi per controllare il sangue e vedere il mio medico ematologico (Dr Willis).

E ora?
Negli ultimi tre mesi, ho avuto un paio di piccoli dolori, che non erano necessariamente gravi; ora, pero’, sembra che forse la leucemia era un fattore.

Nel frattempo, Dr Willis ha deciso di farmi iniziare di aver la ‘venesection’ (estrarre il sangue) ogni mese, perche’ c’era troppo ferro nel sangue (Iron Man!) — una conseguenza di aver ricevuto un bel po’ di sangue durante il primo trattimento. Questo l’ho fatto due volte, e Dr Willis ha fatto l’analisi del sangue ogni volta, perche’ il livello dei neutrofili era un po’ basso (anche se non scendeva).

Com’erano queste analisi?
Il livello dei neutrofili continuava a non salire, allora ci voleva la biopsia del midollo osseo per capirne di piu’. Dr Willis ha chiesto di parlare con me dopo la biopsia; a quel punto ha detto a Mariacristina e me che secondo lei, probabilmente la leucemia era tornata. Mancava solo la conferma dai risultati della biopsia; come previsto, questa conferma e’ arrivata giovedi’ (il 17 ottobre).

Come mai non ti hanno mandato subito in ospedale?
Di solito, quando c’e’ la ricaduta dell’ALL, i livelli del sangue cadono subito e velocemente, ma per me questo non era successo. Dunque, non c’era una grandissima fretta di iniziare il trattamento (uno o due corsi intensivi di chemioterapia  con lo scopo di mettermi in remissione per poter avere un trapianto di midollo osseo), ed io e Mariacristina potevamo godere due o tre giorni tranquilli insieme, per parlare, provare di capire tutto, e sopratutto mangiare benissimo.

Sono stato ammesso in ospedale domenica (il 20), ma poi mi hanno permesso di dormire a casa quella notte, e sono tornato all mia camera al Ruth Myles Unit all’ospedale di St George’s (proprio fatto per me!) lunedi’ mattina.

Come stai?
Bene, grazie! Ho una piccola tosse, che devo perdere prima di iniziare la chemioterapia, e devo anche fare alcuni controlli e preparazioni. Il corso durera’ sei giorni, ma poi dovro’ restare in ospedale per ancora 3/4 settimane perche’ saro’ neutropenico (il mio sistema immunitario sara’ compromessa).

Grazie tanto per tutti i vostri pensieri, preghiere, amicizia e amore. Insieme combatteremo questa malattia di nuovo!

5 thoughts on “Cosa sta succedendo?

  1. con quel fantastico sorriso che avete insieme, andrà tutto come desiderate e meritate.
    C’è un “esercito” di gente che vi vuol bene, vicini e lontani, che vi spinge e sta con voi!

  2. Ragazzi vi vogliamo bene e vi auguriamo una lunga vita insieme gioiosa come vi abbiamo visti a casa vostra a Londra. Noi vi penseremo sempre! Il vostro amore è forte e vincerete tutte le difficoltà!
    Bacioni Mi&Ale

  3. George conosco tua moglie Maria Cristina, e ho conosciuto te tramite le sue parole e le vostre splendide foto insieme, in cui emanate luce gioia e amore. Vi ringrazio per questo esempio di forza luminosa che date e ti auguro con tutto il cuore una pronta guarigione. un abbraccio, Serena

Leave a Reply to serena Cancel reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.